Riding passion

La moto gira.. guarda.. e racconta

domenica 31 gennaio 2016

31 gennaio 2016 tra Lago Maggiore e Lago d'Orta

Domenica di sole e appuntamento a Castano Sud, sulla SS336 dir per Malpensa con Triplepeo, Stespeed, Ste KTM e Damiano Joker. Nessun proposito bellicoso: ci troviamo che sono le 11 del mattino: pigri!


Eccellenze italiche...


Ci muoviamo paciosi verso il Ticino, sotto Tornavento, per poi risalire verso Oleggio: di qua, SS32 diretti al Lago Maggiore. Sarà la bella giornata, ma incrociamo diverse moto..
All'imbarcadero di Arona tutti a passeggio: sembra Pasqua!


Quattro chiacchiere...


...sigarettina di rito..


Divagazioni su verso il Vergante.. Oleggio Castello.. Invorio... andiamo verso Pisano..


....Joker conosce un posto.. e in effetti non sbaglia.. euiua!!!


....ci godiamo un focaccione ripieno enorme e il sole tiepido... davvero un piacere.. ci saranno 15 gradi qui sopra Meina..
Salutiamo Joker e ci dirigiamo verso Gignese.. poi Sovazza, Armeno e scendiamo sul Lago d'Orta, alla rotonda nei pressi di Villa Crespi, ad Orta S. Giulio. 
La strada lassù era buona, ma ovviamente cosparsa di abbondante sale contro le gelate. Costeggiamo il lago verso Gozzano. 
La strada non ha molto da dire, ma lo spirito della "sgambata" tranquilla ci pervade e ce la godiamo nella luce del sole. 
Dalle parti di Fontaneto d'Agogna Ste KTM ha le fregole da pista sterrata: ne troviamo una battuta che porta nei campi... e si va!





Foto di gruppo a fine giornata! Noi...


..e le moto!



sabato 30 gennaio 2016

2016, Fine Gennaio con giro a Celle Ligure

Sabato di fine gennaio: con le miti temperature che continuano ad insistere anche sul nord dell'Italia è un vero peccato predere delle occasioni per andare a farsi un giro.
Decido di tornare verso la Liguria, dove già mi ero spinto recentemente.

CLICCA QUI  per il dettaglio del giro.



Questa volta però decido di usare la fida Bonneville.
Lascio Milano in direzione Assago sotto la pioggia, diretto verso Alessandria.


Poichè il percorso fin là non è dei più entusiasmanti, men che meno sotto l'acqua e nella nebbia che incombe sulle pianure verso il Piemonte, preferisco guadagnare tempo e andare di A7 fino al bivio con la A21, nei pressi di Tortona.


Di qua, supero nell'ordine le uscite di Alessandria Est e Alessandria Ovest, seguendo le indicazioni per Alessandria Sud: devo quindi lasciare anche la A21 per giungere all'uscita che si trova sulla A26 Gravellona-Toce.
Da Alessandria Sud seguo le indicazioni per Acqui Terme. Il cielo resta coperto e il meteo uggioso: tutto è grigio ed incolore, ma non piove. Si tratta di quella sottilissima polvere d'acqua che sporca la visiera del casco. Ad una stazione di servizio sulla SS30, in zona Gamalero, mi libero della giacca antipioggia.. ma tengo i pantaloni: non ho proprio voglia di fare il contorsionista per sfilarli.
Occhio in territorio di Cassine: un autovelox, abbastanza segnalato in verità.
Ad Acqui Terme, prima di imboccare la via per Sassello, faccio benzina e decido di fare una via differente dall'altra volta: come mi ha consigliato Triplepeo, un centinaio di metri dopo essere ripartito dal benzinaio prendo a sinistra la SP210 seguendo le indicazioni per Ponzone. La strada è bagnata e c'è foschia.


A un certo punto, passato Ponzone, giungo ad un bivio che indica Sassello: volto a destra e mi ritrovo in una strada ben asfaltata, ma molto stretta: insomma, si vede che è una strada di campagna.


Come si vede dalle foto, continua ad esserci una certa foschia. Comunque non fa freddo e la strada è abbastanza ben tenuta. Il panorama è limitato, ma non mi dispiace..



..certo sembra autunno, ma meglio che il freddo invernale!
Dopo un po' il bosco attraverso il quale si snoda la stretta strada finisce e si apre un piccolo pianoro.. sullo sfondo, quasi a sorgere dalla nebbia, una chiesa...


..si tratta del Santuario della Madonna della Pieve, in territorio di Ponzone (AL)..


Ripresa la marcia, la SP212 (..questo il nome della stradina..) sbuca sulla SP334 del Sassello, la stessa che avevo percorso l'altra volta.  Peccato perchè ci avrei tenuto ad arrivare a Sassello passando dalla strada che mi aveva suggerito Peo: l'indicazione "Sassello" vista poc'anzi mi ha portato a sbagliare. Comunque dopo aver superato il confine tra Piemonte e Liguria situato sul ponte che valica il torrente Erro, arrivo alle porte di Sassello..


...giunto in piazza, volto a destra e seguo per Savona. A Giovo Ligure, nei pressi di una delle fortificazioni fatte erigere dai Savoia nel XIX secolo, devio verso sinistra ed inizio la discesa.
La SP334  scivola piacevole tra i boschi. Ogni tanto si vedono delle grandi cataste di tronchi..



..proseguo verso il mare: basta seguire le indicazioni per Savona.
Finalmente giungo sulla SS1 Aurelia. 


Vedere il mare in inverno è una cosa che mi colpisce sempre.



...proseguo verso Celle Ligure. E' ora di pranzo.
Non resisto a un'insalata di polpo con le patate...


...e a un piatto di tagliolini con le vongole veraci...


Tutto molto gustoso. 
Il contrasto tra il cielo scuro e i colori accesi delle case che si affacciano sulla spiaggia è molto suggestivo.. ma il nero verso levante e verso i monti mi impone di non indugiare troppo...


Riprendo l'Aurelia in direzione di Arenzano...


Le circostanze consigliano di tornare indietro svelti e per la strada più sicura. Anche se poi, a conti fatti, tutto quel nero verso Masone si tradurrà solo in una sottile nebbiolina, di quella che bagna strade e abiti.
Comunque, dopo aver incontrato Nessuno13 sulla via del ritorno dalla Toscana, dove ha acquistato un KTM990 Adventure, giungo a Milano prima del calo dell'oscurità. Trovo la pioggia verso la fine del percorso: il giro di oggi finisce quindi umido come era cominciato.


lunedì 25 gennaio 2016

Benzina.. continuo a tenerla d'occhio. Fine Gennaio 2016

Ultimamente mi fa piacere notare come il prezzo della benzina, in calo da diverso tempo, cambi anche di parecchio nel giro di 1 settimana.
Dalle parti di Vicenza si trovava anche a € 1,31 e rotti...
Oggi, 25 gennaio 2016, in Viale Liguria a Milano un Q8 la vende a € 1,32 al litro (quasi 1,33 in realtà..). Molto bene!
Se penso che all'Immacolata del 2014 era ottimo trovarla a € 1,51 a Vertemate con Minoprio, a una pompa bianca del supermercato "Il Gigante"...



domenica 24 gennaio 2016

Verona, Motorbike Expo 2016

Qualche foto presa al Motorbike Expo 2016 che, come di consueto, si tiene a Verona verso la fine di Gennaio.
C'è la Kawa z1000 di un amico, customizzata da Imbarcadero XIV.


Ho particolarmente apprezzato le nuove Triumph modern classic: la piccola Street Twin 900, che appare ben fatta, e soprattutto le T120 e le Thruxton.
Guardandole dal vivo confermano di essere davvero piene di fascino. Ho fatto qualche foto più di dettaglio. La T120..


Particolare della parte terminale della sella, col maniglione. La sella sembra molto confortevole.


Dettaglio del quadro strumenti multifunzione.


..notare che il blocchetto dell'accensione non è più laterale, ma piazzato tra i due strumenti..


Ecco la Thruxton. La Icon ovviamente è la più scenografica.. è davvero molto bella..


Dettaglio degli strumenti dietro il cupolino...


Sul blocchetto sinistro si vede il comando dell'assetto, e il tasto per cambiare le informazioni sul display..


..la parte posteriore. Notare gli Ohlins... bello si raccorda la parte finale della sella col faro posteriore e il portatarga: spesso le soluzioni adottate su queste moto non sono poi bellissime (vedi BMW ninety, tanto per non fare nomi..)


...il serbatoio dell'olio freni..


Gli scarichi, fatti da Vance&Hines, sono bellissimi.. non vedo l'ora di sentirne il suono...


Vista posteriore, colla gomma da 160.. l'anteriore monta un 120.. finalmente le misure sono adeguate.. e soddisfano anche l'occhio.. mi piace molto anche il fanale posteriore: niente a che vedere con l'orribile "lampadario" adottato finora.


Ho osservato anche la Moto Guzzi V9.. questa è la Roamer. Mi è sembrata abbastanza bella vista da lontano.. solo che su moto cromate non puoi montare il tappo serbatoio in plastica! Tanto per dire: la Street Twin, che della Guzzi V9 è diretta concorrente, ce l'ha in ferro cromato.


Insomma.. queste Guzzi erano bel altra roba..




Ovviamente qualche bella figliola non poteva mancare...




Vince lei, per distacco..