Riding passion

La moto gira.. guarda.. e racconta

sabato 26 settembre 2020

Fine settembre con giro in Monferrato

Clamorosamente un altro fine settimana in cui si prospetta la possibilità di uscire a fare qualche km! Un consistente abbassamento delle temperature rispetto allo scorso fine settimana fa si che mi trovi in giro diretto al punto convenuto con Peo con 10°C scarsi. Sotto il completo Clover Ventouring 2 mi sono limitato ad indossare la maglietta termica a maniche lunghe dello Stelvio Club (benedetto Massimo Ferrara quando ce le ha procurate!) e la solita camicia di materiale tecnico, alla quale ho abbassato le maniche che usualmente tengo ripiegate. 

8.45 puntuali, quattro convenevoli, Peo fa benzina e via verso le pianure della Lomellina. L'aria è freschetta, ma almeno è limpida e tersa. Attraversiamo la campagna lombarda e mentre mi guardo intorno mi sorprendo a riflettere che mi piace quello che sto osservando: cielo blu, di tanto in tanto macchine agricole all'opera nei pressi delle cascine, sole che regala una luce particolare, qualche roggia di tanto in tanto. Insomma: in qualche modo il paesaggio campestre contribuisce a ricacciare indietro la noia del tracciato dritto, intervallato solo da continue rotatorie.

Ad Alessandria Ovest ci accostiamo nei pressi della rotonda fuori dal casello. E' qui che ci raggiungono Pino (con Francesca) e nessuno13.

Approfitto ora per fare il pieno: avevo ancora su la benzina fatta ad Imola lunedì scorso. Poi ci incolonniamo dietro nessuno13 che fa strada. A questo punto mi si perdonerà, ma non riesco proprio a ricostruire il percorso fatto. Ricordo nomi di paesi del Monferrato, ma in ordine sparso. E' una mia tara, non so se sia una qualche forma di blocco, ma non riesco proprio a farmi restare nella testa questa parte di nord-ovest. Se dovessi girare in autonomia sarei costretto a fermarmi ogni due per tre: non mi oriento per niente!

Orientativamente posso dire che abbiamo trascorso la giornata godendoci le colline tra Valenza, Mirabello Monferrato, San Salvatore Monferrato. Breve sosta a Lù per decidere il da farsi a pranzo.

Dalle strade che di tanto in tanto corrono sulla cresta dei clivi si possono ammirare le vigne che digradano verso valle. Vigne, vigne ovunque, filari ordinati che risalgono i poggi, sulla sommità dei quali spesso si trova un borgo con un piccolo castello o un campanile: un panorama molto caratteristico, che si potrebbe riconoscere tra mille ad un solo sguardo, per quanto è tipico.

Facciamo una sosta per un aperitivo a Vignale Monferrato. Il Belvedere regala una vista che spazia dai colli e le pianure coltivate fino all'arco alpino, dove a occhio nudo si vede chiaramente il Cervino (purtroppo si fa fatica a distinguerlo nella foto scattata).

Lasciamo giù le moto e troviamo un tavolo alla Trattoria Serenella Le tre lasagne, proprio nella piazza centrale del paese. 

nessuno13 sceglie uno spumante rosè, perfetto per l'aperitivo. 

Italia: paese meraviglioso dove se vai a est bevi con soddisfazione il prosecco e se vai a ovest con altrettanta soddisfazione bevi spumante piemontese.

Per il pranzo si va verso le colline di Acqui Terme, sempre immersi in questo paesaggio collinare e punteggiato di vigneti. L'Agriturismo Alcastlè a Montabone è un posto dove io ero passato, ma dove altri di noi hanno anche soggiornato. 

 

E' situato su una collina, da cui si gode di una vista fantastica.

nessuno13 garantiva per la qualità e non sbagliava: pranziamo ottimamente e con porzioni generose. L'ottimo Dolcetto accompagna degnamente.

 

Foto tutti insieme. Accanto, le moto che ci stanno scarrozzando oggi. Pino è con la GS Urban presa recentemente e con il boxer va fluido che è un piacere: guardarlo approcciare e percorrere le curve è una utile lezione per imparare e migliorare la guida. Peo è probabilmente ad una delle ultime uscite col Monster 1200.

Riprendiamo la strada verso casa: salutiamo Pino e Francesca, mentre nessuno13 accompagna Peo e me per un altro po' di strada. A Moncalvo ci scappa un altro caffè e ci salutiamo. Il rientro avviene col sole alle spalle: nei pressi di Novara saluto anche Peo e mi sciroppo l'ultima parte, con la festosa compagnia degli insetti pre-serali. Anche oggi quei 450 km ce li siamo lasciati alle spalle, con gran godimento.


Pressappoco il percorso di oggi


venerdì 18 settembre 2020

Verso l'Abruzzo a Settembre 2020

Da mesi attendevo di poter scendere verso sud. L'occasione arriva inaspettata e non me lo faccio ripetere due volte. La decisione ricade sulla 790adv perchè la Stelvio ha i paraoli da sistemare, ma non ho ancora trovato il tempo di lasciarla dal sospensionista.

E' ancora scuro quando vado a sistemare il bagaglio sulla moto. E' la prima volta che la predispongo per un giretto di più giorni: le prime volte mi serviranno per capire come fissare il carico e dove ripartire le varie cose in modo che siano posizionate in modo utile, pratico e funzionale.

Sul serbatoio la borsa morbida e impermeabile della Givi, da 6 litri: ci metto dentro un set di brugole, una chiave torx, un paio di penne, il bloccadisco, i pantaloni e la giacca antipioggia, i guanti antipioggia, 2 corde con fibbia, per emergenza. Sulla sella sistemo prima la sacca Enduristan Tornado da 30 litri (ovviamente mezza vuota, perchè sto via poco.. ma non ne ho altre..): la fisso al telaio della moto con le 2 molle rockstraps regolabili che si incrociano sotto il manico. Sopra al rullo posiziono la sacca morbida della Enduristan da 12 litri, fissandola al rullo con due fibbie regolabili, in modo che sia solidale al rullo stesso (a sua volta solidale alla moto). Sembra che tutto sia stabile e sicuro. là dentro ho stipato il compressorino, il set per riparare le forature alle tubeless, del fil di ferro, grasso catena, piccolo set di attrezzi.

Non sono ancora le 6 e mezza del mattino quando mi avvio.

Col passare dei minuti il cielo cambia tonalità e, dall'oscurità che aveva all'uscita dalla città, comincia a tingersi del rosso dell'alba.

La parte più noiosa passa, per fortuna, e lascio la A1 a Bologna Borgo Panigale per continuare il mio viaggio verso sud lungo la Tangenziale di Bologna. Il traffico del mattino è abbastanza intenso, ma percorro tutta la tangenziale e mi immetto, dopo San Lazzaro, sulla Complanare Sud che va verso la SP28 per Idice. Abbandonata la complanare dopo qualche km, seguo la SP28 che poi diventa SP7, in direzione di Monterenzio, passando da Castel de' Britti e Mercatale. Si costeggia la valle dell'Idice, insomma. Essenzialmente è pianeggiante e nemmeno troppo dritta: mano a mano che si addentra verso le colline, allontanandosi dalle arterie principali, diventa meno trafficata e anche più godibile con una tracciato gradevolmente sinuoso. Dopo S. Benedetto del Querceto la strada comincia ad assumere tutte le caratteristiche della strada montana, con curve in salita abbastanza continue e di raggio variabile, fino ad arrivare all'immissione con la SS65 della Futa e della Raticosa. 

Mentre salgo, guardo il cielo verso i monti e non nego di temere che lassù troverò la pioggia: le nuvole basse, il loro colore plumbeo e le striature nell'aria non lasciano presagire niente di... "asciutto". Indeciso se indossare l'antipioggia in via preventiva, alla fine continuo a viaggiare confortato dal fatto che, osservando le auto che scendono dal monte in senso contrario, non sono bagnate nè hanno i tergicristalli attivati.

Per 2 o 3 km prima di raggiungere il passo della Raticosa guido nella nebbia e con una temperatura decisamente autunnale. Infatti una volta in cima, nei pressi dello chalet, usuale punto di ritrovo dei motociclisti della zona ed oggi sostanzialmente deserto, la scena è questa.

Scollinata la Raticosa, già nei primi tornanti in discesa le nuvole cominciano ad aprirsi e anche la temperatura diventa più sopportabile: indosso un completo estivo traforato e qualche grado in più non mi dispiace di certo, pur non essendo io un freddoloso (..tutt'altro, a dirla tutta). Dopo qualche km in discesa volto a sinistra seguendo per Firenzuola: non voglio scendere al lago di Bilancino, ma seguire un percorso più curvoso lungo la SP503. Fino a Firenzuola resto accodato ad alcune auto, costretto dal tracciato a non poter sorpassare: una volta in fondo, posso lasciarmele alle spalle e attaccare la strada che sale verso il Passo del Giogo. Parte "piano", ma dopo qualche km è un continuo susseguirsi di curve e, man mano che si sale, di tornanti: cercavo questo e infatti mi diverto. L'ascesa è accompagnata da un vento abbastanza teso. Dietro il tornante a destra ecco il Passo del Giogo.

La discesa è lunga e piacevole e mi porta nei pressi dell'autodromo del Mugello, dove la settimana scorsa si è corso il GP di Formula 1, il 1000° per la Ferrari: purtroppo senza spettatori per via del covid e in un periodo che, per le rosse di Maranello (tinte di un rosso amaranto per l'occasione, a richiamare il colore delle auto di Ferrari nelle prime corse), non si può definire propriamente "brillante". Il viaggio prosegue per Fiesole, dove valico la Vetta le Croci.

Fino a Pontassieve è abbastanza noioso, ma poi la salita per il passo della Consuma sulla SR70 è  divertente. Tra l'altro non c'è nessuno: quindi si viaggia con minori apprensioni rispetto a quando si deve passare da queste parti nei giorni del fine settimana.

Come si vede anche dalla foto, ormai il cielo si è aperto ed è venuta fuori una bella giornata. L'ultima volta ero passato di qua nel giro di Ottobre 2019 quando, in sella alla Thruxton "Esmeralda", con Nolmar e nessuno13 andammo anche a Vallombrosa e alle Crete Senesi. Nella discesa verso Poppi passo anche dalla Locanda Fonte allo Spino dove, nel giro che ho citato, ci fermammo a pranzo: fu una piacevole scoperta. Stavolta, tuttavia, ho davanti molta più strada e l'ora non è ancora quella del pranzo. Dopo Bibbiena mi fermo per fare benzina: questo tratto, tra Poppi ed Arezzo, non è il massimo del divertimento: una banale strada statale, anche abbastanza trafficata. Per fortuna in alcuni tratti è abbastanza larga da consentire agevoli sorpassi ad un'andatura più veloce. Lascio la SR71 prima di raggiungere Arezzo, nei pressi di Giovi-Ponte alla Chiassa. Qui si trova infatti la SP43 strada della Libbia, che scoprii in occasione di un precedente viaggio e che, in svariate occasioni, ho ripercorso con piacere: porta verso il Valico della Scheggia.

Proseguo poi per Anghiari, da cui si discende verso la SS3 bis Tiberina. Una breve sosta lungo la ripida e rettilinea discesa per immortalare i contrafforti dell'antica città, famosa per la battaglia del 1440 tra Fiorentini e Milanesi, immortalata da Leonardo da Vinci.

Il tratto della SS3 bis Tiberina da Sansepolcro verso sud lo percorro velocemente: non ha nulla da segnalare, ad eccezione dei lavori di ripristino del fondo stradale che costringono a continui cambi di carreggiata): c'è un vento abbastanza teso che mi infastidisce, fa caldo, la strada è noiosa, dopo essermi lasciato alle spalle Città di Castello e Umbertide mi fermo per un sandwich e una coca cola in una stazione di servizio. Ho bisogno di scuotermi un po', di mettere qualcosa sotto i denti e anche di reidratarmi. Adesso la temperatura, come sempre peraltro nei pressi di Perugia, è molto più alta rispetto alla prima mattinata. Studio un po' il percorso e so che il tempo per passare da Castelluccio di Norcia c'è. Una volta ripartito mi lascio il nodo di Perugia alle spalle e procedo seguendo le indicazioni per Assisi e Foligno. Esco a Foligno nord e prendo la vecchia SS77 che sale verso Pale, Casenove e Sellano, passando anche per il Valico del Soglio.

Ricordo questo luogo per esserci passato in occasione del Raduno Modern Classics organizzato ad Assisi nel settembre del 2010. La strada che sale fin qui da Foligno, che evita il nuovo tracciato molto più veloce, meno tortuoso e più rapido grazie alle gallerie, è veramente divertente: per lunghi tratti corre a mezza costa con vista sulla val di Chienti, per poi dirigersi verso Sellano e continuare sulla SP465 in direzione di Cerreto di Spoleto. Dalla sommità, si scende poi con la SS320 prima e con la SS685 poi, verso Norcia.  Sono tentato di fermarmi da "Brancaleone da Norcia" per acquistare un po' di salumi locali, che ho già provato in passato, ma non ho da stivarli comodamente e la sosta comporterebbe una perdita di tempo eccessiva, in considerazione della strada che ho da fare ancora.

Da Norcia raggiungo il bivio per Castelluccio.


Di qua, salita per la strada che va verso Forca Canapine. La vista di cui si gode è abbastanza simile a quella che si avrebbe sorvolando con un aereo la piana di Norcia, coi rilievi ricoperti di alberi là, giù in basso.

La strada resta una di quelle che più mi piacciono. Al bivio per andare in direzione di Forca Canapine, volto a sinistra (anche perchè da Forca Canapine non si può scendere verso la Valle del Tronto) e dopo poche curve si scollina, con la vista dell'altopiano che si apre davanti agli occhi, riempiendoli. 

Sullo sfondo il promontorio dove sorge Castelluccio di Norcia, che si raggiunge percorrendo una strada drittissima che attraversa Piano Grande. Gli scenari sembrano rimandare a immagini nordamericane, col nastro nero di asfalto (nuovissimo!) che si perde fino all'orizzonte.

Mi godo per qualche minuto gli scorci e gli orizzonti, prima di riprendere la strada. Approfitto per godermi il fresco e scattare una foto della vista verso la valle del Tronto da Forca di Presta: la temperatura è gradevolissima rispetto a quella della pianura fino a Foligno.

 

Dopotutto anche l'altitudine gioca il suo ruolo. 

Dalla sommità la discesa verso la fondovalle del Tronto e la sosta per la benzina dopo Acquasanta Terme. A questo punto devo prendere atto che se voglio arrivare a destinazione ad un orario decente e, soprattutto, se vorrò evitare di percorrere strade statali nella semi-oscurità, devo propendere per strade più rapide. Pertanto supero Ascoli, proseguo verso la costa e mi immetto sull'Autostrada A14 in direzione sud. Numerosi sono i lavori in corso che obbligano a qualche coda e a frequenti cambi di corsia, abbastanza stressanti. Comunque sul fare della sera faccio ancora in tempo a catturare degli scorci suggestivi. 

Affascinante il tramonto visto dal porto di Punta Penna, a nord di Vasto, in Abruzzo.

Oltre il porto ed il molo, si vede il promontorio di Punta Aderci, con la riserva naturale e la splendida spiaggia.

Una strada che risale il promontorio sul porto passa accanto al faro, uno dei più alti d'Italia, recentemente restaurato.

A fine giornata saranno 850 km tondi tondi, in gran parte percorsi su strade statali: un bel test per la 790adv, ma anche per me: ho capito che posso fare cose del genere con questa moto, come le ho fatte con la Stelvio. I consumi registrati mi sorprendono in positivo: quasi 25km con 1 litro, non andando proprio pianissimo.

A fine viaggio, ritorno incluso, saranno 1.510 km che portano il totale dei km percorsi dal 790 adv a 4.795. Ci voleva qualche "botta" di km per testare anche come si comporta in viaggi lunghi. Promossa! Sono sempre più convinto che il mio tipo di moto siano queste dual, con cui poter viaggiare bene in ogni contesto: maneggevole nel misto, veloce e risparmiosa in autostrada, con ottima capacità di carico. La protezione dall'aria è buona in statale, può essere sicuramente migliorata quando si è in autostrada o su strade molto veloci: niente di drammatico tuttavia.

Il viaggio verso l'Abruzzo per la parte Appenninica


sabato 12 settembre 2020

A metà Settembre si torna in sella: verso il Vezzena e l'altopiano di Asiago

Mesi di sostanziale inutilizzo: la Stelviona e Bridget von Hammersmark spesso e volentieri con la batteria collegata al mantenitore di carica per evitare che lo scarso utilizzo le scarichi.

Mi prendo uno spazio di tempo al sabato mattina e con nessuno13 ci troviamo fuori dal casello di Brescia Est. Non ci vedevamo dal giro del Febbraio 2020 proprio sul Garda. Nessuno13 c'è sempre quando si tratta di fare km: un motociclista instancabile!

Saliamo verso il lago di Idro, non prima di aver sfilato la lunga teoria di auto incolonnate sulla SS45bis e ter in direzione di Gavardo. Di qui ci dirigiamo sulla SS237 del Caffaro fino oltre Anfo. Nei pressi di Storo saliamo a destra verso la Val di Ledro e finalmente la strada regala i primi tratti guidati, coi suoi bei tornanti in salita, tra le gole, prima di raggiungere l'altipiano che porta al passo Ampola.

Piccola sosta caffè dopo diverse ore in sella.

Costeggiamo il Lago di Ledro e iniziamo la discesa. Qualche km di tornanti per giungere a valle, passando a nord di Riva del Garda per dirigerci verso Arco di Trento. Da qui seguiamo la SP48, statale curvosa che nessuno13 già conosce e mi ha fatto impostare sul navigatore. In effetti è molto divertente: stretta, a dirla tutta, ma non essendo con la Stelvio e le sue valigie, con il 790 si va molto bene. Nei pressi di Ronzo-Chienis passiamo dal Passo S. Barbara e diamo un'occhiata all'ora. Abbiamo appuntamento con Nolmar per le 12.30 circa: non possiamo salire anche per la SP88 verso Bordala; quindi optiamo per scendere verso Rovereto dalla via più rapida. Qualche km di autostrada del Brennero fino a Trento e poi SS47 della Valsugana. La strada è larga e rapida: raggiungiamo in una ventina di minuti il luogo dell'appuntamento a Pergine Valsugana, nei pressi dell'Hotel Meridiana, dove Nolmar ci attende con la sua Triumph T120. Ci si rivede dopo mesi e sono belle sensazioni: cose che erano normali fino allo scorso anno, ora sono grandi momenti, vista la separazione forzata dei mesi passati.

Riprendiamo la statale costeggiando il lago di Caldonazzo in direzione di Levico Terme centro, dove deviamo a destra. Vogliamo percorrere la strada del Menadòr (nota anche come Kaiserjaeger strasse), costruita dagli austriaci nel 1915. 

Note: sono presenti segnalazioni che limitano il traffico a mezzi che non superano certe dimensioni e, a dirla tutta, questa strada dovrebbe essere percorribile solo in moto o in bici: se ci si avventura in auto per questo tracciato stretto e pieno di tornanti chiusissimi si rischia di vivere una brutta esperienza. Assolutamente da non perdere, per chi può arrivarci, la suggestiva vista sui laghi di Levico e di Caldonazzo da un tornante, con un piccolo spazio ricavato per poter accostare e godersi lo stupendo panorama sulla Valsugana.

Purtroppo salendo ci imbattiamo in un camper con targa austriaca che si è inerpicato fin quassù! Nei pressi del breve tunnel scavato nella roccia ha rischiato di rimanere incastrato... e pochi metri più avanti, si è effettivamente incastrato in modo inestricabile con un'auto che scendeva in senso opposto. Inevitabile il contatto tra i due mezzi. Per fortuna era rimasto un piccolo spazio e con le moto abbiamo potuto infilarci, proseguendo verso la sommità.

Un breve tratto in discesa e prendiamo a sinistra la SS349 di Val d'Assa per andare in direzione del Passo Vezzena. Nei pressi di un tornante sappiamo già dove andare: si sale e si volta a sinistra per una breve sterrata che ci porta alla Malga Zochi, dove ci eravamo trovati bene già nel giro a Merano e Austria di luglio del 2019


 

Siamo già con le gambe sotto al tavolo quando, come si vede nella foto qui sopra, ci raggiunge anche Jules Winnfield: grande sorpresa!!! E' con la nuova GS adventure 1250, fresca fresca di valigie nuove: bella bestiona! Grandi festeggiamenti e battute! Si mangia in compagnia senza risparmiarsi, ad essere onesti, e si riparte per andare verso Folgaria e, di qua, su verso il Passo Coe. Per me è la prima volta.

Sul passo si trova l'omonimo lago, nei pressi del quale sono posizionate le installazioni della Base Tuono. E' una base missilistica dell'areonautica, dismessa dal 1978.

Si torna verso valle, con una breve sosta poco più avanti per godere della vista verso Tonezza del Cimone e la pianura che porta a Piovene Rocchette.

L'arrivo ci vede appena sotto i 500 km dal mattino, poco prima delle 19.

La serata in terrazza a casa di Jules, dopo tanti mesi di distanza, passa tra risate e una corposa mangiata, accompagnata da delle sane, gioiose bevute!



Se qualcosa di buono può aver lasciato questo periodo di isolamento, che ancora dura, è di aver permesso di apprezzare ancora di più i valori veri, come l'amicizia e il piacere di stare insieme.

Il giro di oggi


giovedì 13 agosto 2020

MOTO GUZZI


"Le Guzzi sono dei semilavorati. Potete usarle così come sono ed accontentarvi, oppure metterci mano e godere contenti di una moto che finalmente va come deve." (Motoube)

sabato 25 luglio 2020

Lago di Tovel e Borghetto sul Mincio

Dopo quasi 2 mesi appiedato, finalmente stamattina ho potuto rimettermi in sella a Bridget Von Hammersmark (BVH)!
Ancora ieri sera non avevo idea di dove sarei andato: avevo una vaga idea di salire sul passo dello Stelvio, ma sono andato a dormire nell'indefinitezza. Una cosa è certa: avevo voglia di fare dei km.
Sveglia di buon mattino e partenza alle 8. La temperatura intorno ai 21 gradi è quella perfetta per andare in moto: le piogge abbondanti su questa zona del nord Italia degli ultimi 2 giorni hanno rinfrescato la temperatura e hanno scaricato l'umidità.
Nonostante l'ora, la SS36 Valassina inizia ad essere molto molto trafficata già dopo Monza. 
Capìta l'antifona esco a Valmadrera con l'idea di risparmiarmi il gas nelle gallerie: scelta azzeccata perchè attraverso Lecco senza alcun ingorgo e mi reimmetto sulla Valassina nei pressi dello svincolo per Mandello del Lario. Il traffico resta comunque sostenuto, ma tutto sommato arrivo a Colico abbastanza tranquillamente. Se lo Stelvio è l'idea, si va per la Valtellina! Passo svelto, da Fuentes, ma una volta arrivato a Morbegno, al bivio tra la vecchia e la nuova strada, la SS38 dello Stelvio, la musica cambia: tutte le auto incolonnate nelle nuove gallerie, e una volta che questa variante si reimmette sulla "vecchia" SS38 la scena vede tutte le auto incolonnate senza soluzione di continuità, praticamente a pass d'uomo, per chilometri e chilometri. Per fortuna in moto si risale la fila, perchè le auto in senso contrario sono meno, ma comunque è una cosa che richiede un'attenzione costante. Si fa strada il piano B: dopo tanti chilometri così, abbandono l'idea di arrivare a Bormio e svolto a destra!
La salita verso il Passo dell'Aprica è una boccata d'ossigeno per il divertimento in moto: finora è stato solo trasferimento, ora inizio a divertirmi! Traffico contenuto, salita divertente e tornanti da impostare: finalmente!

La salita per l'Aprica mi ha fatto dimenticare la Valtellina

Come di consueto, Aprica è piena di villeggianti e di moto, ma non ho nessuna voglia di sostare e prendere un caffè: troppo affollamento: evito, visti i tempi che corrono.
Giusto il tempo della foto e riparto in direzione di Edolo. Traffico poco e la lunga discesa passa bene. 
A Edolo di nuovo tanta gente che affolla i bar all'aperto, e anche tanto traffico: il crocevia nei pressi del ponte è come di consueto congestionato.
Attacco la salita della SS42 del Tonale e della Mendola: un po' di traffico, qualche camper a salire e qualche impedito (..mi si passi l'espressione, ma nei fine settimana in strada trovi veramente di tutto!) non aiutano, ma mano a mano che riesco a sfilarli, un po' alla volta, allora torna il piacere della guida.

Guidare in scenari simili fa letteralmente "respirare" polmoni e anima

In cima al passo del Tonale il consueto colorato affollamento di turisti e motociclisti. Molti approfittano per fermarsi nei chioschetti e sfamarsi. Ma è ancora un po' presto per mangiare: nelle mie intenzioni ho ancora tanta strada da fare, anche se non so passando per quali luoghi. Faccio una foto a BVH e riprendo la strada.

Il Sacrario Militare del Passo del Tonale

La discesa dal Tonale è lunga e divertente: stavolta non è nemmeno troppo trafficata da motociclisti smanettoni, quindi si guida davvero bene. E la vista sui ghiacciai è spettacolare!!


Solitamente passo da questa strada tirando dritto, verso il Passo della Mendola, diretto alle Dolomiti Venete o Altoatesine. Stavolta sono in giro senza una meta particolare e quindi decido di concedermi delle divagazioni.
Rapida pausa pranzo: niente da ricordare, tranne il sidecar Ural copiato dalle BMW R75 e dalle Zundapp KS750 sottratte ai tedeschi durante la guerra.


Lascio la strada principale e imbocco una stradina sulla destra che scende verso la valle.
Anche queste strade secondarie sono perfettamente curate: in Trentino è sorprendente come siano ben tenute: puoi concentrarti sulla guida e sui panorami.
Arrivo alla base della vallata, e nei pressi del paesino di Vermiglio lascio la strada asfaltata e percorro una strada bianca. Ammetto che se avessi avuto la Thruxton o la Stelvio non lo avrei fatto.
Deve aver piovuto anche qui, perchè c'è molto fango. In compenso però mi avventuro tra i campi dove non c'è anima viva.

La cornice è meravigliosa

Accanto alla strada i resti delle caserme diroccate Austro-ungariche di Stavel, risalenti alla 1° guerra mondiale.

Al di fuori della strada principale posso godermi altri bellissimi scorci.

Le rapide del torrente Vermigliana

Una volta a casa il 790 andrà ripulito

Sono tornato sulla SS42, ma poco dopo la lascio nuovamente nei pressi di Ossana: un castello attira la mia attenzione.

 Il castello di Ossana domina il piccolo borgo.

Mentre supero il bivio per Marilleva e quello di Dimaro che porta a Folgarida e Madonna di Campiglio, abbandono l'idea di proseguire verso il Passo della Mendola. Imbocco la SS73 e seguo per Cles: giorni fa in casa si parlava del Lago di Tovel e non avendolo mai visto, ho deciso di farci una capatina. Prendo la SS73 "destra Anaunia" seguendo le indicazioni per Tuenno, e da qui la strada per il lago di Tovel si snoda per 11 km.
Prima di arrivare al lago ci si ritrova in un contesto quasi lunare: con le dolomiti di Brenta tutto intorno, il colore prevalente è il grigio dei massi e delle rocce: quasi non c'è vegetazione! Di tanto in tanto si attraversano dei tratti boscosi. Finalmente raggiungo il casello di accesso al Parco del Lago di Tovel: 5€ il pedaggio. Giusto così: è un prezzo equo per gestire al meglio le meraviglie della natura.
Proseguo per 6 km prima di raggiungere il parcheggio più vicino al lago. Lascio la moto e salita una collinetta tra i boschi per 200 metri, mi ritrovo davanti uno spettacolo incredibile.
Questo lago era famoso per il colore rosso che assumevano le sue acque nel periodo estivo, dovuto alla presenza di alcune alghe. Ora il fenomeno non si manifesta più, ma il colore dell'acqua lascia comunque senza fiato.


I monti circostanti si riflettono nelle acque limpidissime del lago

Torrenti freschi

Faccio un giretto sul sentiero che costeggia il lago, nel bosco.
Quando torno in moto, mi dirigo verso Andalo sulla SS421 "dei laghi di Tenno e Molveno". Strada fantastica, con bei tratti in pendenza e bei tornanti fino ad arrivare alla frequentata località climatica di Andalo. Lungo la salita trovo una gruppetto di 3 Vespa che salgono speditissime: sorprendente vederle a velocità sostenuta e agilissime sui tornanti.
Dopo Andalo, ecco Molveno.


La vista del lago di Molveno prima di entrare in paese

Scendendo verso il paese è evidente che anche Molveno è affollata di villeggianti che si godono i locali sulle sponde del lago e anche le opportunità di fare sport in mezzo alla natura, con le biciclette e le barche a vela.
Anche se manca ancora molta strada per tornare a casa, mi è venuto in mente un altro luogo da vedere: non è proprio dietro l'angolo, ma oggi voglio fare strada senza troppi pensieri: il tempo è buono, il caldo non è eccessivo e le ore di luce ci sono.
Continuo ad andare verso sud e passo sulla SS45bis per Dro, passo per Nago e seguo per Mori sulla SP90 che costeggia la sponda occidentale dell'Adige. Sono 410 km quando faccio benzina ad Avio: faccio 2 conti e la moto fa quasi 25 km/L!
Dalla SP90, che mi piace ogni volta che la faccio, passo sulla SS412 dell'Abetone, sulla sponda orientale dell'Adige. Poi dalle parti di Affi prendo la superstrada SS450 che va verso Peschiera. Qui già si vede che si torna verso i luoghi affollati: traffico e caldo tornano protagonisti.
Le campagne a sud di Peschiera, tra colline e vigne, sono rasserenanti.
Saranno le 18 quando raggiungo Valeggio sul Mincio.
Non ero mai stato da queste parti, perchè passavo in zona solo diretto verso altri luoghi, ma alcuni video visti durante l'inverno mi avevano incuriosito e mi riproponevo di passare: quale migliore occasione?
Bellissimo il castello di Valeggio e il ponte Visconteo.


Ancora più affascinante la vista che dal ponte si gode del Borghetto sul fiume Mincio.

 L'Italia è un vero scrigno di meraviglie

Ora si che è davvero ora di tornare a casa.
La strada verso ovest, nella zona tra Valeggio, Solferino e Castiglione delle Stiviere corre tra le vigne e i campi: nonostante sia dritta, non mi annoia per niente.
Viaggio col sole in faccia per oltre 2 ore prima di arrivare a destinazione: mentre di solito questo rientro guidando controsole è sgradevole, forse anche perchè avviene a fine giornata quando la stanchezza prevale, in questa occasione non me ne curo troppo e mi lascio cullare dai bei panorami che ho ammirato, dalle Alpi alla pianura.
Alla fine Bridget si ritrova con 610 km sul groppone e nemmeno 1 km di "autostrazio", ma i posti visti e la qualità della moto me li hanno resi pieni di divertimento!


Il giro di oggi: Aprica, Tonale, Tovel, Molveno, Borghetto sul Mincio: 610 km